Coordinamento Regionale per i Trapianti

banner macrosezioni

Come donare

FAQ  

DOVE SONO CONSERVATE LE ESPRESSIONI DI VOLONTA’?
Presso il C.N.T. (Centro Nazionale Trapianti), così come stabilito dalla legge 91/99, è mantenuto un registro informatizzato nazionale , denominato S.I.T. (Sistema Informativo Trapianti) dove vengono raccolte tutte le espressioni di volontà, di assenso o dissenso, alla donazione rese dai cittadini italiani attraverso la deposizione alle A.S.L. ,  all’A.I.D.O. e ad alcuni Comuni. Non è possibile conoscere attraverso il S.I.T. le volontà di chi si è espresso firmando il “tesserino blu”, le donorcard delle associazioni di settore e gli atti olografi.
Le informazioni contenute nel SIT possono essere consultate, dopo la comunicazione del decesso ai familiari, dal personale del C.R.T. (Cooordinamento Regionale per i Trapianti), per verificare la presenza di consenso o dissenso esplicito.

PERCHE' DONARE I PROPRI ORGANI O TESSUTI?
Il trapianto di organi è una terapia salvavita. Inoltre, il trapianto permette ai pazienti di riacquistare una normale qualità della vita. Donare gli organi o i tessuti è, quindi,  un gesto di solidarietà verso gli altri.

COSA SI PUO' DONARE?
Dopo opportuni accertamenti di idoneità, si può donare: organi (cuore, polmoni, pancreas, fegato, reni, intestino), tessuti (ossa, valvole, vasi sanguigni, cornee, cute).

CHI PUO’ ESPRIMERE LA PROPRIA VOLONTA’ ALLA DONAZIONE?
A tutti i cittadini maggiorenni, è offerta la possibilità di dichiarare in vita la propria volontà in materia di donazione di organi e tessuti dopo la morte.

E’ OBBLIGATORIO ESPRIMERE LA PROPRIA VOLONTA’ ALLA DONAZIONE?
Esprimersi sulla donazione è un’opportunità, e NON un obbligo.

PERCHE’ E’ IMPORTANTE ESPRIMERSI IN VITA ?
E’ importante esprimere la propria volontà in vita in quanto il principio del silenzio-assenso NON ha trovato attuazione nel nostro Paese. In Italia vale il principio del consenso o dissenso esplicito.

COSA SUCCEDE SE UN CITTADINO NON SI È’ ESPRESSO IN VITA?
In questo caso, la donazione di organi o tessuti è consentita SOLO se i familiari aventi diritto (coniuge non separato o convivente more uxorio o figli maggiorenni, genitori o rappresentante legale) NON SI OPPONGONO.
 
QUANDO SI DIVENTA DONATORI ORGANI?
Solamente DOPO che è stata posta ed accertata la diagnosi di morte con criterio neurologico. La morte con criteri neurologi avviene in pazienti che sono già ricoverati in ambienti di terapia intensiva: è uno stato irreversibile e definitivo, da non confondere con lo stato di coma, che non è una condizione immutabile. I medici che hanno in cura un paziente nel quale diagnosticano lo stato di morte, sono tenuti per legge a certificarne la realtà mediante l’attivazione di un collegio medico formato da consulenti provenienti da un altro reparto rispetto alla terapia intensiva, formato da tre specialisti: un medico anestesista, un neurologo ed un medico legale.
L’accertamento della morte con criterio neurologico è obbligatorio per legge, nei casi nei quali sussistano le condizioni previste dalla normativa in vigore, ed è svincolato ed indipendente dall'eventuale donazione di organi o tessuti.
Solamente al termine dell’accertamento di morte e della comunicazione della stessa alla famiglia del paziente, si può procedere a valutare l’opportunità della donazione. La donazione non viene considerata nel caso di dissenso esplicito documentato espresso in vita dal paziente .
Nel caso di consenso alla donazione, e solo successivamente, verranno effettuati specifici accertamenti nel potenziale donatore per valutarne l’idoneità alla donazione.

QUANDO SI DIVENTA DONATORI DI TESSUTI?
I tessuti possono essere donati al termine di una donazione di organi. Anche i pazienti deceduti in seguito ad arresto cardiaco possono donare i tessuti.

Coordinamento Regionale per i Trapianti del Veneto
Via Giustiniani, 2 - 35128 Padova
Tel. +39 049 8218124-5 Fax +39 049 8218126
E-mail: crt@regione.veneto.it
PEC: coordinamento.trapianti.regione@pecveneto.it

@bc Network © Copyright 2014 - CRT Veneto - Tutti i diritti riservati - Privacy policy